Condividi
 

Scontri istituzionali, politiche monetarie e crisi finanziarie (in America)

 

A dispetto di una congiuntura economica apparentemente favorevole, la Federal Reserve ha oramai inaugurato una nuova stagione di tassi d’interesse molto bassi. In un intervento presso le Fonti TV, sostengo l’idea che questa strada potrebbe riaprire la via a fenomeni d’instabilità finanziaria. La banca centrale americana è davvero indipendente? Cosa ci aspettiamo, a questo punto, dalla Banca Centrale Europea? Durante l’intervento, ho anche discusso di unione europea e del rapporto tra deficit e sostenibilità del debito pubblico italiano:

Intervento presso Le Fonti TV (18 giugno 2019)

Per i market-aficionados, durante la stessa giornata, ho anche trascorso qualche minuto a parlare d’incertezza sui mercati americani del reddito fisso e del contenuto informativo desumibile dai recenti movimenti dell’indice TYVIX sui tassi d’interesse calcolato da Chicago Board Options Exchange (l’equivalente dell’indice VIX nello spazio azionario). Un link al video e ai miei commenti è qui. Troverete maggiori dettagli tecnici sui temi delicati intorno alla volatilità dei tassi d’interesse e del credito in una pagina apposita della versione inglese di questo sito.

Parole chiave: Indipendenza delle banche centrali; sostenibilità del debito pubblico; investimenti; economia reale e mercati finanziari.